Come Arredare la Cucina

Arredare la Cucina: Come Scegliere quella Giusta

Come scegliere la cucina considerando tutte le centinaia di offerte presenti sul mercato? Ma soprattutto, come scegliere una cucina che sia di qualità?

La gamma di dettagli, finiture e modelli che oggi abbiamo a disposizione è così vasta che è davvero molto facile perdersi, soprattutto quando il budget è limitato o non si ha esperienza.

Prima di scegliere la cucina perfetta per te devi sciogliere dubbi e domande. In questa guida troverai tutto quello che c’è da sapere per acquistare la tua prossima cucina!

Come scegliere la cucina: disposizione e misure

Il primo aspetto a cui devi pensare sono gli spazi. Valuta bene lo spazio che devi arredare e prendi le misure con cura. Non dimenticarti di considerare anche l’eventuale presenza di allacci preesistenti che devono essere spostati o mantenuti, in modo tale da sviluppare di conseguenza la configurazione corretta dei mobili.

Una volta che hai definito le misure puoi procedere alla scelta della disposizione. Le soluzioni possono essere molteplici. Tra le principali abbiamo quelle a forma di U, di I, di L, in parallelo e con isola. Ad ogni modo la tua soluzione deve essere sviluppata sulla base delle tue esigenze, degli spazi e del tuo gusto personale.

Come scegliere il colore della cucina

Le tonalità neutre fanno sembrare la tua cucina più ampia, per cui se hai una cucina piccola il nostro consiglio è quello di optare per top e ante di colore chiaro.

Se invece vuoi optare per una scelta più coraggiosa e alla moda, lo schema a due colori è perfetto per te! In sostanza viene scelto un modello con doppia finitura, un colore pieno e un colore neutro. Ad esempio puoi pensare a un colore scuro per le basi e a uno chiaro per i pensili, dando un effetto slanciato alla cucina.

Scegliere un unico colore vuol dire preferire un colore saturo e con carattere oppure un colore neutro e chiaro. In questo caso molto dipende dallo stile e dal tuo gusto personale. Per le cucine in stile rustico, eclettico e indusriale sono da preferire i colori scuri come il nero opaco o lucido, il verde ed il blu. Per le cucine contemporanee, classiche o minimal puoi scegliere le tonalità dei grigi, il beige, il legno chiaro e le tonalità del bianco.

Passando ai colori caldi, il giallo e l’arancione possono essere più adatti ad una cucina moderna, mentre il rosso viene solitamente scelto in quanto conferisce maggiore creatività alla cucina e stimola l’appetito. 

Per avere un ambiente più ordinato cerca di non mescolare stili diversi. Ad ogni modo, qualunque sia la tua decisione, considera sempre l’equilibrio fra tutti i complementi della cucina.

Come scegliere le sedie e il tavolo della tua nuova cucina

Scegliere la sedia e il tavolo giusto non è facile. Innanzitutto, devi valutare la dimensione dello spazio in cui inserire i due arredi. Se lo spazio è particolarmente ampio puoi anche scegliere un tavolo grande e delle sedute confortevoli, magari dotate anche di braccioli. Se invece hai a disposizione uno spazio ridotto, anche le sedie e il tavolo dovranno esserlo. Durante la scelta pensa anche a quante persone saranno quotidianamente sedute al tavolo. 

Passando alle dimensioni, la sedia deve sempre essere scelta in base alle dimensioni del tavolo. Generalmente un tavolo è alto 72-76 cm e la distanza tra la seduta della sedia e il bordo inferiore del tavolo deve sempre essere maggiore di 30 cm.

Se la cucina è spaziosa puoi può optare per tavoli fissi rettangolari o addirittura per tavoli ovali. In una cucina piccola dovrai invece trovare il giusto compromesso tra comodità e funzionalità. Per questi motivi solitamente nelle cucine piccole ci si orienta verso un tavolo quadrato da quattro posti – un’ottima scelta è anche il tavolo allungabile -, dalle linee leggere e slanciate, con gambe e piano sottili.

In generale ricorda che i tavoli tondi sono più ingombranti e perciò adatti a stanze grandi. Scegliere un tavolo da cucina rettangolare o quadrato risulta invece essere vantaggioso in termini di versatilità e di spazio: può essere fatto sparire in un angolo o può essere addossato alla parete. Inoltre, se posto al centro della cucina, un tavolo rettangolare di una certa importanza diventerà il protagonista della stanza donando un tocco in più.

Come scegliere il piano della cucina

In termini di materiali e finiture, oggi ci sono tantissime soluzioni tra cui scegliere. In generale un buon piano da cucina deve essere funzionale, pratico e resistente. Sono diversi materiali in grado di rispondere a questi tre requisiti.

Il top per la cucina può essere in pietra naturale – marmo o granito – o in legno massello.  Per mantenere la superficie pulita e meno porosa, il marmo e il legno hanno bisogno di cure periodiche. Sono entrambi dei materiali molto versatili che si sposano bene con ogni stile di arredamento.

I top in quarzo sono un ottimo investimento per tutti coloro che amano l’eleganza e l’estetica dei piani lavoro. Inoltre, sono molto resistenti agli agenti acidi, alle macchie e all’abrasione. 

Un top per cucine in laminato offre un’ampia gamma di finiture e di colori, mentre il piano in ceramica è una soluzione innovativa e particolarmente ricercata nelle cucine classiche. Infine i top della cucina in inox sono molto igienici, resistenti agli urti e facilissimi da pulire. 

Qualsiasi sia la tua scelta, la cucina è il luogo sacro di ogni famiglia, il luogo più vissuto e più soggetto ad usura, per questo è importante non accontentarsi ma pretendere il meglio onde evitare una precoce deterioramento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.